HOME .  
BLOG  
FB  
   
- - - - - - - - - - - - -  
PAPERBOAT  
GLIMPSES  
- - - - - - - - - - - - -  
POSTCARDS  
PRINTS  
   
   
   
   
   
   
- - - - - - - - - - - - -  
info@illusimi.com  
   
iLLUSiMi . illustrations paintings drawings art + children's books self made colouring book limited edition greeting cards postcards <lots of love> illustrations for children illustrations for grown up that want to be child forever | little animals BIG animals + trees ° woods / flying umans = things that exist and things that do not exist : stories few words # sketches my portfolio ? a-world ^ my world  
 
www.illusimi.com
© Simona Dimitri . illusimi 2020
   
   
   
 

7.12.2015 / Lo Sguardo Obliquo / mostra di illustrazione itinerante

"Scambio di sguardi. Connessioni nascoste sotto pelle, fioriscono invisibili agli occhi, crescono tutt'attorno negli spazi vuoti che vuoti non sono, per raggiungere altri corpi. La vita è questo, scambio ininterrotto, fluido vitale che scorre attraverso corpi permeabili. Se solo potessimo vedere, se solo potessimo capire, siamo solo identici atomi di vita." / Nata a Busto Arsizio, ha frequentato il liceo artistico per poi studiare illustrazione a Milano. Fino al 2006 ha lavorato come illustratrice freelance e come grafica in uno studio pubblicitario a Milano, per poi fondare nel 2007 il suo studio a Busto Arsizio, dove ha iniziato a lavorare come Illusimi e ad illustrare albi per l'infanzia. Con il trasferimento a Zurigo, il suo atelier è diventato uno spazio virtuale, nel quale Illusimi continua a portare avanti il suo lavoro di illustratrice ed a collaborare con gallerie d'arte e case editrici italiane e non solo.

http://storyselling.weebly.com/blog/category/simona-dimitri

 

an interview for the brazilian magazine R.Nott

R.Nott Magazine Issue #11 – 11.2014
Interrogatório com Simona Dimitri por Vinicius F. Barth

- how, where, when and why
The story begins at school, I think, I liked to draw, so I attended the Artistic School and then an Illustration School in Milano. But I have to tell you that when I was at school I never felt myself free to express something mine on the paper. I don't know why and I was not conscious of that, until I have found myself outside the school walls, and I began to move my first steps in the world. I felt myself completely different, and I started to searching for my way, experiencing different techniques and ways of expression, with a lot of happy attempts and (more) bad results! I took part in some International competitions and sometimes my artworks were selected for the final exhibitions, and in the meantime I worked for advertising and I had my first little collaborations with publishers, by myself in the beginning, and then with an agency. In that period I absolutely wanted to be an illustrator for children books and in the end I did it, more or less, but now this is not anymore my favourite occupation. Maybe because again I feel not free, doing this. I need to express myself in my drawings and the sole way that I found for doing it is working as a painter and sell my original artworks. This is what I love, and only in those pieces of paper or cardboard you can find what really I am and feel.  - Why do you do what you do? And so doing, I think I have already answered to your second question, I do what I do because I like it! Because I feel the need to tell something but not through words. It happens that the words are misunderstood, it's seems absurd, but it isn't, because we have some mechanism that bring us to judge things as right or wrong, and sometimes we do so with all our prejudice that makes ourselves unable to catch the message. It is as some words are stopped from a sort of "defensive barrier" at the gate of our mind, even before to be listened, with no possibilities then for us to be touched by them. With images it is really different. I can put in my pencil and colours every tiny nuances of my thoughts, in a so imperceptible way, without so strong and edgy shapes as words sometimes have. And so the message have a chance more to be perceived. A nonverbal message can pass through the barriers of our schemes and directly arrive to the perception of the mind, gently, in a conscious or also unconscious way. - What do you usually hear about your work? Not too much, I have to say. Some year ago I had an atelier in Italy, it was a place where people could come and visit me while I was at work. It was a very nice experience because I have had a good contact with people and I remember I liked to ask them what they see in a drawing, and what a certain painting brings them to think. It was very interesting for me, and sometimes it was even something extraordinary to discover a completely different view about my own drawings. While I remember an occasion in which my paintings were completely misunderstood. It was some years ago, a blog published a post about my works, they were presented in a very kind and poetic way, but the audience did not appreciate them, and they were commented as a too sugary and shallow way of doing art. Maybe it was not the right place for me.. I thought that they simply didn't understood my thought. Now I haven't changed very much my opinion about that case, but in the meantime my drawing and painting are changed a lot and now I understand better that in the past my artworks were not so clear in their (too hidden!) messages and, maybe, more easily misunderstood. My drawing is changed and also what I want to say is changed, of course all of us are in a constant transformation after all... I hope anyway that my thought could flow more smoothly now and in the future. - Who are your characters? Where did they come from? .. such a difficult question!!! Among my characters there are a lot of different animals and among them another strange creature, a kind of winged human being, those wings that bring him back in another kind of relationship with the other beings. In few words, what I would like to represent, especially in this last years, is nothing more then the reality of our nature of living beings, what is not very easily visible to our quick and not so attentive glimpse. We living beings, melted one another, vegetal and animal beings, made by the same material, the same life. To feel this connection means completely changing our point of view. In my drawings I try to make visible what is invisible to the eyes, but it's perceivable from our other senses. And so, in this mood, all the relationships with the world are different, the relationships with other creatures are different, there are no human beings that observe the rest of the Nature from a distant and higher point of view. There are just different living beings connected from the same living sap. I try to say so with a different relation of proportions among the creatures, for example the human being is often a tiny creature compared with other animals, he is in a sort of balance with others, and it seems able to use a kind of mute - or anyway different - language to "speak" with others, as others do. We can't have a real dialogue if we stand on a footstool, I think. We have to put our eyes on the same line of the eyes of the other. To look at a tiny insect, I can't help but put my face on the ground, but it could be also useful staying on the ground and look at a cow, learn to be a little thing. - What is your process, from creating to publishing? What I do for publishers it's a completely different thing, as I hinted before, in my case I just do with colours what other people very carefully wrote and designed. They have their needs, and it is more then comprehensible, and I only work to make real their projects. For all the other kind of artworks it's not a matter of a process aimed to publishing, because it is not their purpose, in most of the cases. About these others, the journey from the mind to the final artworks could be as well very easy or very complex, sometimes I did a lot of sketches, sometimes I go straight on my watercolour paper, or cardboard. Sometimes old and forgotten sketches come back to live just when it is their right moment. Very important for me, is to feel exactly what I have in mind to do, because if I feel it then I will have more possibility to convey the feeling on the paper, and maybe the drawing will conserve this vitality. - You do work with lots of different materials. Tell us about your preferences (and about the red color, which seems to have an important meaning to you). The material is a matter of the moment, it's a kind of instinctive choice. In that very moment I think that what I have in mind is more suitable for being expressed in this or this other way. There are more or less three kind of materials that I love to use, and they are watercolours, a mixed media made with pen, cardboard and the colour white, and then the acrylic colours on cardboard or heavier panel. You ask me about the red colour... Sometimes red colour is simply a way to bring attention on a particular thing among the others. Sometime it's just a matter of chromatic equilibrium. Sometimes red colour is the pulsing life, the vital push. Sometimes it is a connecting medium among different subjects, something like a same thin wire. It's not so easy to say, sometimes I am not so conscious about my choices, and it happens to discover later something that, when I did it, was not very clear to myself! Anyway, there are colours for which I have some particular feeling - red is one of them - and then there's the white, the non-colour, for which I feel a very deep fascination. - How do literature, music, arts and comics relate to your work? Books, art, and other form of communication that I - as all of us - incessantly absorb from every pore of the skin have of course their influence. Most of the time, in my opinion, it happens in an unconscious way, as something that clings at our brain cells, also without our will. While I remember that sometimes I wanted to translate a piece of music into images, but in those cases the link between them probably was just a idea of mine. Some other times there has been a sentence or a very little piece of a certain book that instantly produced a image in my mind, such a wonderful view, something very strong and vivid, but it has been always very hard in such cases to reproduce that glimpse of mind on the paper, because that glimpse was at the same time very clear and very undefined. - Tell us a about your work with writing and watercolor. What`s the feeling of painting texts and transforming them into visual compositions? I feel a very strong attraction for lettering. I love the shapes of letters, I love also the handwriting, though I never did calligraphy as it is usually considered (I feel not very familiar with that kind of forced discipline, though I love to see people doing it, it's very fascinating!). I love write by hand in my notebooks, more than to use a computer or other technological devices. From that substrate are born my artworks made of handwriting with little sticks and watercolours. I like to dip the stick into the watercolour, and see the drop of watery colour follow the way of the stick on the paper, and then maybe add a pinch of another colour in that drop, and wait for the result. This is the magic of the watercolours together with the fascinating gesture of writing, that is something in between the rule and the freedom of each shape. - What are your future projects? About the future, I have in mind to start few new collaborations, something similar to my long-standing collaboration with Milonga in Milano, which is a wonderful place where my artworks are exposed for sale, among a lot of other very interesting artists. And then I have to bring to an end a project for a little book, which is ready - to tell the truth - but I have to take just the last decisions about how to present it in its final shape. I look forward to do it and say "ouh, this is the book in the end!" because it already has had a long period of incubation! - Greatest influences and heroes? As I told you about books and arts in general, I can't tell something particular about my influences. There's a lot of things, and people, from painters to illustrators, photographers, writers, musicians... I have not an hero, but an incredible huge pile of people and works that I appreciate! And all these fragments together go to form a sort of dough from which comes from, maybe, what I do. - Anything you always wanted to answer and nobody ever asked you?
Ouh! There's no such a thing, I think, because I usually prefer to speak not too much, leaving instead to my drawings the task to speak for themselves. I hope they will do it better than me!

http://www.rnottmagazine.com/#!interrogatorio-issue11/c1woy

 

ArteVarese / 30.09.2009 / Il fantastico mondo di…iLLUSiMi

Una piccola bottega nel cuore della città; uno spazio pieno di colori dove prendono vita le opere della giovane illustratrice Simona Dimitri. Ecco un universo fiabesco e giocoso abitato da personaggi fantastici come il babau, un rifugio dell'immaginazione che l'artista ci racconta in un'intervista.

Busto Arsizio. Quasi passa inosservata stipata tra i negozi chic di via Roma, nel centro di Busto Arsizio. Eppure passandole accanto non si può fare a meno di notare il colpo di verde prato delle pareti di questo piccolo studio. L'insegna "Illusimi"non ci aiuta a capire in cosa ci siamo imbattuti, ma qualcosa ci dice che ha a che fare con qualcosa di magico che ci strega sul colpo. Entrando la magia è ormai compiuta: ci lasciamo la città caotica e rumorosa alle spalle ed entriamo letteralmente in una fiaba. Ci troviamo circondati da uccellini cinguettanti sugli alberi, da gatti dispettosi, alberi fioriti e scenari fantastici. A destarci da questa atmosfera incantata è una voce che proviene da dietro un cavalletto: Simona Dimitri ci dà il benvenuto nella sua bottega d'artista. E così inizia la nostra chiacchierata. - Simona, innanzitutto spiegaci, cosa significa il nome della tua bottega "Illusimi"? "Inizialmente l'idea era quella di fondere la parola illustrazione con il mio nome, Simona. Poi però mi sono resa conto che questo nuovo termine di mia invenzione evocava forse di più l'idea di illusione e la cosa mi è piaciuta. Illusione, ovviamente non in senso negativo, ma intesa come capacità di dare vita a un mondo fatato, fiabesco, che è poi cioè che la mia bottega vuole fare." - Dunque questo è  il luogo dove crei ed esponi i tuoi lavori. Uno studio-galleria...giusto? "Sì, una bottega. Una realtà davvero poco presente dalle nostre parti e invece molto più frequente in regioni come la Toscana, dove appunto ho maturato l'idea di aprire uno spazio come questo. Tanto che le informazioni necessarie le ho dovute reperire lì in Toscana, perché qui la "bottega" sembra non rientrare nelle consuete logiche commerciali." - Questo fattore ti ha svantaggiata al momento dell'apertura? "Ho aperto due anni fa e sapevo che sarebbe stato un salto nel buio. Ho scelto però una posizione strategica, di passaggio, in pieno centro storico. All'inizio sì, c'è stata un po' di diffidenza da parte della gente ma devo dire che col tempo c'è stato un buon riscontro di clientela, anche molto differenziata. Non solo mamme e genitori che vogliono arredare la camera dei bimbi, per intenderci." - Arriviamo allora al tuo lavoro: i tuoi inizi sono nel campo dell'illustrazione? "Sì, subito dopo il liceo artistico ho iniziato a propormi alle case editrici come illustratrice. Purtroppo ho potuto constatare ben presto la difficoltà di inserirsi in questo settore, soprattutto per quanto riguarda il nostro paese. Infatti in Italia ho realizzato solo un libro per la Giunti Kids, "Pico Rotondo" nel 2006. Ora sono legata ad un agenzia di Milano che mi mette in contatto con editori esteri, soprattutto inglesi, per i quali lavoro. Sembra che lì ci sia una maggiore disponibilità nei confronti dei giovani illustratori, pur alle prime esperienze. - E poi come sei giunta a Illusimi? "Tornando al mio percorso, ho frequentato la scuola di Illustrazione del Castello Sforzesco a Milano. Ho partecipato anche ad alcuni concorsi: più edizioni del Concorso Illustrazione per l'infanzia organizzato dall'Associazione Culturale Teatrio e del Concorso Internazionale "Le Montagne Incantate: leggende ed immagini", organizzato dal Comune di Bolzano. Sono stata selezionata dalla giuria del terzo Premio Internazionale di illustrazione "Scarpetta d'Oro" organizzato dal Comune di Vigonovo e ho esposto le mie opere in alcune mostre personali o spazi espositivi. Nel frattempo lavoravo per uno studio grafico, ma ovviamente non riuscivo ad esprimere appieno la mia  vena creativa. Quella veniva fuori nei tempi morti quando mi ritrovavo a scarabocchiare e davo vita ai miei "Babau". - Babau?uno dei tuoi personaggi? "Sì, sarebbe il personaggio cattivo e minaccioso, quello che si usa per far spaventare i bambini. Uno specie di uomo nero, ma in versione animalesca. Ovviamente nel dargli un volto ho voluto sdrammatizzare il suo carattere malvagio e renderlo un finto cattivo, un furbetto che alla fine si rivela anche simpatico." - E' solo uno dei tanti protagonisti che animano le tue opere? "Beh sì, ma come potrai notare sono tutti animali. E paesaggi da favola. Raramente soggetti naturalistici dettagliati, a quelli non mi dedico più. Ora il mio mondo è questo, un mondo colori, un angolo fatato, magico, lontano dalla normalità, dove l'uomo infatti non trova posto (ride, ndr). Da quando ho deciso di aprire la bottega la mi attività principale è questa, a cui mi dedico anima e corpo: finalmente posso dare sfogo alla mia fantasia." - La tua arte è intrisa di una sensibilità ambientalista e animalista. E' vero che collabori anche con la Lav (Lega Anti Vivisezione)? "Sì e tengo moltissimo a questa collaborazione. Per loro realizzo illustrazioni che vengono pubblicate sulla loro rivista per i piccoli "Piccole Impronte". Una causa importante a cui contribuisco come meglio so fare." - Aspirazioni per il futuro? "Continuare così. Mi ritengo molto fortunata a poter fare ciò che più amo: creare mondi fantastici, per gli altri e per me stessa. La bottega è in primis il mondo dove io stessa amo rifugiarmi. Uno spazio pieno di colori dove la realtà rimane fuori dalla porta. Chissà forse proverò a ripropormi a qualche casa editrice italiana, ma comunque lavoro da fare ne ho in abbondanza. La bottega è la realizzazione dei miei sogni, non potrei chiedere di più. Ah sì, un desiderio ce l'ho: una capanna nel bosco...."

[Manuela Ciriacono] http://www.artevarese.com/av/view/news.php?sys_tab=2000d&sys_docid=4271

 

designerblog / 22 maggio 2009 / ILLUSIMI la bottega dei sogni di Simona Dimitri

Illusimi sembra il primo tentativo di un bambino di dare un nome al mondo che disegna ogni giorno, un mondo dalla lirica incomprensibile ad un adulto assuefatto alla concretezza, desiderabile per chi è incline alla dimensione ludica ed onirica, forse per questo Simona Dimitri l’ha scelto per dare vita al suo mondo.
Illusimi è pensato (sognato), disegnato e colorato per dare corpo ad un paese delle meraviglie, dove tutto è possibile e non necessariamente assomiglia a quello che sembra. Un mondo interiore, emotivo, sotterraneo qualche volta, tradotto in disegni senza confini, quadri su legno senza bisogno di cornice, libri illustrati per lasciar volare la fantasia e una vera bottega dei sogni, dove animali d’ogni forma e dimensione, folletti, gnomi, sirene, tanti gatti e teneri babau, possono uscire dalle loro storie ed entrare nelle vostre.
La bottega è in via Roma 11/c, una piccola via del centro di Busto Arsizio. Una bottega vera, fatta di mattoni e piena di colori, nella quale trovare tutto il mondo di Simona Dimitri e un forse anche un pezzetto del vostro. Se siete curiosi di sbirciare nel mondo di Simona rimanete con noi. - Ciao Simona, per tutti quelli che ancora non ti conoscono, non sono mai entrati nella tua bottega, non hanno mai sfogliato uno dei tuoi libri illustrati o avuto un incontro ravvicinato con uno dei tuoi gatti e babau, quali sono stati i tuoi primi passi… cosa disegnavi e sognavi da bambina? …da bambina non mi piacevano le favole, non c’è fra i miei ricordi l’immagine della buonanotte con racconto. Disegnavo, sì, a casa e a scuola. Disegnavo d’inverno e d’estate e quando lo facevo d’estate lo facevo in giardino, non mancava nulla, cavallettino di legno, tempere, una tavola a cui appiccicare il foglio di carta (di solito riciclato chi lo sa dove!), i pennelli… e Sally, il cagnolino, che una volta, approfittando di una folata di vento si è mangiata un mio Van Gogh! In seguito hanno vissuto con me anche alcuni gatti e le loro zampette non mancavano di lasciare traccia sulle tavole ad acquerello… Poi, di scuola in scuola sono arrivata al Liceo Artistico e ad un’altra scuola poi ancora… finché non mi sono ritrovata in gabbia! Senza rendermene conto. Quando me ne sono accorta, è cominciato tutto il resto. Ho lasciato nella gabbia tutte le regole e le copie dal vero di sgabelli e ho cominciato a divertirmi, sono passata anche per un pochino di illustrazione naturalistica, ma ho capito che non faceva per me. Troppo bella la natura per cercare di imitarla e riprodurla pedissequamente, se mai si può cogliere l’emozione e la dolcezza e mutare il mondo reale in favola. - Illusimi. Sembra una parola magica, come l’hai scelta, perché e cosa rappresenta? In effetti ILLUSIMI è una parola che gioca un po’ su questo… l’illustrazione, così come la pittura, che può diventare illusione (non nell’accezione negativa del termine). L’illusione può essere semplicemente un altro mondo, più bello. (il Prof. D.R.Pant sa cosa intendo!) Dopo tanti disegni, quadri su legno, libri illustrati per l’infanzia e illustrazione per adulti, come e da che tipo di esigenze è nata l’idea di tuffarsi in un’avventura come quella della bottega? E’ bello fare illustrazioni, ma si è spesso poco liberi nel farlo, per quello che è la mia esperienza, non del tutto liberi, almeno. Dipingere quadri mi da una boccata d’aria fresca, dopo un libro, o due o tre assieme, come a volte capita, mi sento un po’ in apnea, riprendo ossigeno sui legni! La bottega mi permette di esporli e se qualcuno si innamora di loro io sono contenta. A volte … a volte, invece, fatico a separarmene! - Parlaci della tua bottega …Che cosa si può trovare nella tua bottega e cosa non si può assolutamente perdere? Nella bottega c’è il mio piccolo mondo, piccolo piccolo! E cambia a seconda dell’umore, delle stagioni e dei libri che leggo… - In che modo prendono vita i tuoi mici flessuosi, i babau che non spaventano e tutti personaggi che affollano le tue storie? I gatti li adoro e anche tutti gli altri animali. Anche se non voglio o non penso di dipingerli, loro scaturiscono involontariamente, da ogni anfratto! I Babau invece nascono in un momento strano, di attesa davanti ad un monitor di pc, dentro ad uno studio di Milano, con persone attorno che lavorano, attendono, escono a fumare, guardano i fogli, dicono la loro, cercano di trovare un perché ai mostrini o lo chiedono a me, il perché. Nascono disegnati con matita e carta da fotocopie, sopra ad una tavoletta grafica che attende, anche lei, e si annoia. - Da dove arriva l’ispirazione quando disegni? L’ispirazione arriva in qualsiasi momento, quando guardi una cosa e ci vedi dentro quello e dell’altro, e di pensiero in pensiero… Arriva la notte prima di dormire, la mattina presto, in montagna, in bicicletta, alcune escono dai libri che leggo, altre dagli alberi che amo…
A volte disegno perché voglio disegnare quella cosa, a volte il soggetto è del tutto irrilevante, una scusa per giocare con i colori! A volte arriva dalle macchie di colore sull’asse del tavolo. - Per te in sintesi cosa rappresenta l’illustrazione? A quali tuoi bisogni, sogni, desideri da libero sfogo? E’ bello dar vita alle storie, per quello mi piace fare illustrazione, anche se, come dicevo prima, poche volte ho avuto davvero la libertà di lasciar andare la fantasia. Poi mi piacciono i libri. Il libro è sempre una cosa un po’ magica, che sia illustrato o no, lussuoso o economico, da pasticciare con appunti e segni, da assorbire. Se il libro, con la storia che ha dentro, ti colpisce al cuore, ti cambia un pochino la vita, un pochino alla volta, per questo è affascinante.
C’è un progetto, un’esperienza che ha esercitato una grossa influenza sul tuo modo di esprimerti con l’illustrazione? Il mio disegno assorbe elementi ovunque, più o meno inconsapevolmente, non so distinguere o definire… muta perciò, ovviamente, così come muto io. - C’è qualche libro al quale sei più affezionata? Il libro a cui sono più affezionata, fra quelli che ho illustrato finora, è Amy’s Slippers (di Evans). Mi è stata lasciata molta libertà, per quanto possibile, e mi sono divertita molto a disegnarlo! Soprattutto ho potuto giocare a mio piacimento con il colore. - Che tipo di percorso hai intrapreso per arrivare a pubblicare il primo libro? Pubblicare non è mai facile, si bussa a tante porte, si attende con pazienza, si partecipa ai concorsi, capita qualche esperienza casuale finché qualche editore comincia ad essere interessato. In Italia purtroppo ho avuto una sola esperienza, con Pico Rotondo (di Giunti), gli altri libri sono stati pubblicati in Inghilterra e per questo è stato molto prezioso il supporto che mi ha dato la Milan Illustrations Agency, con cui lavoro. - Quanto questo ha influito su quelli che lo hanno seguito, in termine di esperienza progettuale ma anche di modo di entrare in relazione con il mercato? Gli editori inglesi seguono molto il lavoro dell’illustratore, dalla progettazione al colore e sono molto attenti ad ogni dettaglio. Con il tempo, si comincia ad entrare in “sintonia” con le esigenze e la sensibilità di ciascun editore, un po’ alla volta sto imparando a seguire le indicazioni senza lasciarmi condizionare completamente, cercando di lasciare degli spiragli nella mente e delle vie di fuga! Quando uscirà il tuo prossimo libro? In questo momento stanno per essere pubblicati i due titoli successivi a “This is my tractor”, per Usborne. Sono tre libri per bimbi molto piccoli, gli altri due riguardano una macchinina rossa e una ruspa! - Cosa c’era nel tuo cassetto dei sogni l’ultima volta che ci hai guardato? il futuro e i sogni… sogno una vita lontana da qui, in un posto che assomigli di più al mio mondo disegnato. Un mondo fatto anche di uomini, ma non per gli uomini, in cui poter essere ospitati alla stregua di un topino o di un ciuffo di muschio, e lì mettere le radici. (colori e pennelli al seguito!)
Salutando Simona e ringraziandola per averci fatto passeggiare per un po’ nel suo mondo, invito chi ha la possibilità ad andarla a trovare in bottega a Varese, tutti gli altri a fare una visita ad Illusimi on line.

http://www.designerblog.it/post/5683/illusimi-la-bottega-dei-sogni-di-simona-dimitri

 

Nazione Indiana / 27 Novembre 2008 / L’albero delle mele bianche, Storie fantastiche di Simona Dimitri / di Francesca Matteoni 

L’albero delle mele bianche è un quadretto dipinto su legno che ho appeso in camera, sopra la mensola dei vecchi giocattoli. L’albero ha una chioma rossa, su uno sfondo rosa acceso, fiorisce di piccoli frutti bianchi. È un’illustrazione di Simona Dimitri. Assomiglia a un disegno di bimbo, semplice e bizzarro: avete infatti mai visto una mela bianca? O un elefante arancione, il sole verde? Queste cose e animali esistono tutte, ma impariamo a pensarle secondo un preciso schema di misure e colori. Da bambini invece si reinventano con le matite, trasformando il nostro micro-universo in qualcosa di straordinario oppure richiamando creature mai viste con tratti e sfumature note (una balena gialla ad esempio: l’animale più grande e segreto della terra colorato dalla tinta della luce). In questa ottica un disegno infantile non ha mai un soggetto impossibile, ma piuttosto “trasversale”: possiede le stesse caratteristiche delle avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie dove tutto è ciò che è ma niente è come sembra. Nell’illustrazione si mostrano le varie possibilità di un oggetto, declinato nella mente di chi osserva e ricrea, si gioca ad essere ciò che si rappresenta, seguendo un proprio percorso fantasioso eppure ben nutrito di immagini reali.
Mi incanto a guardare il mio albero e mi accorgo come le cose che ci circondano non sono mai scontate, banali, che ci possiamo calare in esse come attraverso una tana di coniglio dove stanno sospese sedie e cassettoni, o arrampicarci fino a scoprire un gatto che ha la luna nel ghigno.
I dipinti di Simona appaiono come porte vivaci che immettono su stanze comunicanti dall’aspetto familiare, ma con una sorpresa rivelata di volta in volta. Le chiome degli alberi sono piccoli cosmi ellittici, come gli insiemi sui libri di matematica delle elementari. Racchiudono gatti rotondi accovacciati, sbocciano di uccelli e come loro cinguettano o si azzittiscono dentro la neve, spingendo tutto il colore in un coraggioso pettirosso pulsante nel bianco. Il bosco è un mazzo di palloncini ondeggianti fissati al verde del prato.

Le isole sono in realtà pesci giganti e sonnacchiosi, che portano abitazioni a strisce sul dorso ed il mondo che sogna è una casa, piena di torri e torrette di certi castelli di fiaba, abitata dagli animali più diversi: il gatto, l’uccellino, l’elefante, il coccodrillo, la lumaca, come sono diverse e tutte appassionanti le storie che ci possiamo raccontare.
Tra gli animali un posto speciale ce l’ha il babau, una creatura inimmaginabile, lo spauracchio della buonanotte, pronto a saltarci nel letto quando spengiamo la luce, che, come tutto ciò che dovrebbe terrorizzare, ha per il bambino (ma non solo) una dose invincibile di attrazione. I babau di Simona non spaventano, se non nel nome, ma se troviamo in qualche baule un vecchio foglio spiegazzato di quando avevamo cinque o sei anni, forse scopriremo che anche i nostri “mostri” e “facce della paura”, sono ibridi sbilenchi dai denti aguzzi, i becchi spalancati e gli occhi strabici, che vorremmo volentieri a popolare ancora le nostre notti senza lucina-amica.
E i gatti, buffi, flessuosi e pigri, capaci di stare dappertutto, di sparire come se fossero magici, se ci distraiamo appena…
In questa allegra giostra naturale del mondo di Simona, sembrano mancare le figure umane, se si escludono i folletti, gli gnomi e le sirene. Ma se guardiamo meglio, tra l’erba o dietro le finestre dei villaggi affollati come funghi sulle colline, sembra di scorgerli, in forma di piccoli cuori, che sospirano e fanno uscire pensieri e fantasie, quasi sbuffi invisibili di fumo. Sognano anche loro. Che la notte sia un ponte da attraversare. Che non ci sia fine ai luoghi da esplorare ed il cielo sia una soffitta, una scala storta che percorre l’aria variopinta; il ventre della terra una cantina di muschio. Che un animale silenzioso ci faccia da guida. E che ovunque andiamo ci sia sempre un albero a cui appoggiarsi, da cui imparare, meraviglioso e saldo come un elefante.

Pubblicato il 27 Novembre 2008 alle 11:30 http://www.nazioneindiana.com/2008/11/27/l’albero-delle-mele-bianche-storie-fantastiche-di-simona-dimitri/

 

  Arcanami / Simona Dimitri . La prima artista con una parola magica: iLLUSiMi (questo è anche il nome della sua bottega). Illusimi è pensato, disegnato e colorato per dare corpo a un mondo interiore, emotivo, tradotto in quadri in legno senza bisogno di cornice, libri illustrati per lasciar volare via la fantasia , animali d’ogni forma e dimensione, folletti, tanti gatti e tenerissimi babau che possono uscire dalle loro storie ed entrare nelle vostre.

http://www.arcanami.it